Aumenti e pubblicità per il famoso servizio streaming: risolvi il problema con un piccolo escamotage

Aumenti di uno dei più famosi servizi di streaming. Un piccolo escamotage per risolvere il problema della pubblicità e di altre novità.

Il forte periodo di inflazione ci obbliga di tenere sotto osservazione qualsiasi tipo di costo e quindi anche le variazioni legate ai servizi di streaming per i nostri programmi preferiti.

Famoso servizio streaming aumenta prezzi e pubblicità
Aumenti e pubblicità sul servizio di streaming – huntermagazine.it

Di fronte anche a numerosi investimenti, per la realizzazione di film e programmi originali, le piattaforme sono state costrette ad adeguarsi e ad alzare i loro tassi per cercare di rientrare delle spese. Tra le tante soluzioni che si sono scelte, per evitare di obbligare l’utenza a spendere più soldi, c’è quella di mandare in onda più pubblicità e dunque accettare le continue lusinghe degli sponsor.

Nonostante questo si potrà risolvere il problema con un piccolo escamotage. Andiamo dunque a vedere cosa consigliarvi per cercare di evitare questa noiosa trovata che sicuramente diventa un ostacolo per chi si trova a dover godere del suo film o della sua serie preferita.

Risolvi il problema pubblicità con un piccolo escamotage

Arriva una novità molto importante per il pubblico che si trova dover risolvere il problema pubblicità con un piccolo escamotage. In Italia, Spagna e Francia i clienti di Prime Video saranno costretti a guardare degli annunci pubblicitari piuttosto invasivi. Tutto questo accadrà a meno che non decidano di pagare un tot al mese, 1.99 euro, ovviamente in aggiunta al costo dell’abbonamento.

Escamotage per risolvere il problema della pubblicità
Prime Video e le pubblicità (Facebook @Amazon Prime Video) – huntermagazine.it

A comunicare il tutto è Amazon stessa attraverso una mail che è stata già recapitata a tutti i propri clienti. In questo leggiamo: “i film e le serie tv di Prime Video includeranno un numero limitato di annunci pubblicitari”. Annuncio che non ha bisogno di spiegazioni e che è molto lineare nello spiegare all’utenza i cambiamenti da affrontare.

L’escamotage è appunto legato al fatto che grazie a una piccola somma eviteremo ogni tipo di promozione per una fruizione più gradevole e immediata. Ricordiamo che in entrambi i sensi il prezzo dell’abbonamento non varierà.

Starà alla vostra sensibilità decidere il da farsi e dunque se accettare delle pubblicità all’interno della riproduzione dei vostri contenuti preferiti oppure se aggiungere una piccola somma all’abbonamento per non vederle più. Amazon con grande chiarezza ha fatto la sua scelta, comunicandola ai clienti e portando avanti una strategia di marketing che solo nei prossimi mesi vedremo se avrà i suoi frutti.

Impostazioni privacy