Sembra tutto, fuorché una truffa: occhio a questo nuovo messaggio su WhatsApp

L’ultima truffa via WhatsApp arriva sull’onda della nostalgia: perché è (molto) più pericolosa delle altre e come proteggersi.

Uno dei sentimenti più potenti che l’essere umano possa provare è la nostalgia. Non è un caso, infatti che “l’effetto nostalgia” stia facendo guadagnare tantissimi soldi ai film e ai giocattoli che tornano “magicamente” sul mercato per prendere all’amo gli adulti di oggi che erano bambini qualche tempo fa.

nuova truffa whatsapp
La nuova truffa di WhatsApp – huntermagazine.it

La potenza di questo meccanismo, che ci fa abbassare istintivamente le difese mentali e diminuisce in maniera significativa la nostra lucidità, è fondamentale per i truffatori di ogni parte del mondo. Lo hanno scoperto a proprie spese tutti coloro che hanno ricevuto un messaggio su WhatsApp da un numero sconosciuto. 

Questo messaggio, scritto in italiano perfetto e senza particolari errori di ortografia, tenta semplicemente di avviare una conversazione amichevole e apparentemente casuale. Comincia spesso con un banale “come stai?” o un ancor più subdolo “quanto tempo!”.

I truffatori tendono quindi a far pensare all’utente che un vecchio amico li sta contattando nella speranza di riprendere i contatti con loro. Ovviamente l’educazione e la curiosità potrebbero spingere l’utente a rispondere in maniera poco prudente, esponendosi a rischi anche elevati di cadere in una truffa digitale.

Come proteggersi dalla nuova truffa su WhatsApp

Una volta cominciata, la conversazione potrebbe andare avanti per un po’ senza destare particolari sospetti, con messaggi completamente innocui. Ad un certo punto però, l’utente potrebbe ricevere un link su cui viene invitato a cliccare per scaricare una particolare applicazione che dovrebbe essere utile a fare una determinata operazione specificata nel messaggio che la accompagna.

nuova truffa whatsapp
Come si scopre una truffa via WhatsApp? – huntermagazine.it

Cliccando sul link e scaricando la App si installa nel telefono un malware, cioè un programma apparentemente innocuo ma che in realtà estrae dal nostro telefono molti dati sensibili, tra cui le nostre generalità, le nostre password e, nei casi più sfortunati, anche i nostri dati bancari.

Entrando in possesso dei dati di accesso alla nostra home banking i malfattori potranno svuotarci il conto in maniera completamente legale, semplicemente trasferendo i nostri soldi sui loro conti utilizzando le nostre stesse password.

Come evitare una truffa del genere? Il sistema più efficace è sempre lo stesso: non rispondere e bloccare il contatto sconosciuto. Per farlo basterà cliccare sull’apposito tasto che compare nel momento in cui apriremo la chat e leggeremo il primo messaggio. Chi ha inviato il messaggio non riceverà alcuna notifica di questa operazione e saremo al sicuro da altri tentativi di phishing portati da quel numero.

Impostazioni privacy